TREKKING NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE DELLE FORESTE CASENTINESI

Cammino di San Francesco Anello della Valle Santa
Cammino di San Francesco del Sud
27 gennaio 2019
TREKKING NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO
TREK E MARE NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO
30 gennaio 2019

31 OTTOBRE – 3 NOVEMBRE 2019

Un viaggio escursionistico per immergersi nei colori del foliage autunnale tra l’Eremo di Camaldoli, boschi e foreste.

Nel cuore del Parco Nazionale delle foreste Casentinesi, un viaggio escursionistico per immergersi nei colori del foliage. Tra il Passo della Calla e Monte Falco o nei boschi di abetine tra il Monastero e l’Eremo di Camaldoli oppure sulle balze rocciose del Monte Fumaiolo, cammineremo con occhi e cuore aperto, per una piena immersione nella natura magica dell’autunno. Avremo modo di raggiungere vette panoramiche affatto difficili da risalire, per lasciarsi inghiottire poi da fitte foreste traboccanti di funghi, ruscelli e ricci di castagne rotolanti sotto i piedi. Un viaggio anche all’insegna del misticismo benedettino di Camaldoli, dove il lavoro dei frati per mille anni ha positivamente influenzato la storia del bosco e delle genti. Infine potremo “bere” un po’ di storia alle Sorgenti del Fiume Tevere, sulle belle pendici ricoperte di contorti faggi del Monte Fumaiolo.

  • i colori del foliage autunnale,
  • i boschi di abetine,
  • l’ Eremo di Camaldoli,
  • il Monte Fumaiolo,
  • la natura magia dell’autunno,
  • le vette panoramiche,
  • le fitte foreste e ruscelli,
  • il misticismo benedettino di Camaldoli,
  • le Sorgenti del Fiume Tevere

1° giorno: Monte Falco, la vetta della Romagna

Ritrovo a Campigna ore 12.00. Escursione ad anello con partenza dal passo della Calla presso Campigna. Pranzo al sacco libero. Raggiungeremo attraverso il bosco i prati della Burraia, quindi lungo il sentiero di crinale che sale costantemente di quota alternando tratti di fitta faggeta a tratti aperti e panoramici sino a raggiungere la vetta del monte Falco (mt. 1658) il punto più alto della Romagna per poi discendere dal sentiero conosciuto come “pista del lupo”, passando da Passo Piancancelli e da qui di nuovo al punto di partenza. Tratti panoramici e bellissime foreste accese dall’autunno.  Sistemazione in hotel a Poppi, cena e pernottamento.

Difficoltà: media

Dislivello: 500m

 

2° giorno: Anello nei boschi di Camaldoli

Trasferimento a Camaldoli. Partiremo dal Sacro Eremo di Camaldoli dove potremo fare una visita alla cella di San Romualdo, ci incammineremo per i boschi di abetine verso la cima del Monte Penna da dove godere di un ampio panorama. Da lì sempre tra boschi che diverranno di faggio percorreremo un ampio crinale per poi scendere al Monastero di Camaldoli, dove potremo visitare l’antica farmacia Camaldolese. Passeremo infine accanto ad un gigante del bosco, il Castagno Miraglia, un incredibile esemplare isolato della circonferenza di oltre 8 metri. Il tutto tra ruscelli, foreste d’alto fusto, massi ricoperti di muschio e sentieri incantevoli. Pranzo o merenda con schiacciata di Camaldoli (facoltativo, non compreso). Sistemazione in hotel, cena e pernottamento

Difficoltà: Medio-alta

dislivello: 750m

 

3° giorno: Il doppio anello della Verna

Si raggiunge Chiusi della Verna: partiremo dal centro del paese per l’antica mulattiera “Ansilice” che conduce al Santuario. Prima di raggiungere il Santuario all’altezza di un cancello, prenderemo un viottolo che segna l’inizio del primo anello, conosciuto anche come il sentiero delle Ghiacciaie. Dopo aver ammirato dal basso la rupe e la scogliera delle Stimmate, ci si inoltra nel bosco, in una bellissima faggeta, cosparsa di massi caduti dalle rupi e ricoperti di verde muschio, che offrono suggestive visioni di canaloni, fratture e anfratti verdi. Si prosegue verso la grotta di Fra’ Davide e si raggiunge poi Croce della Calla, da cui parte una sterrata che ci porta al Santuario.

Visiteremo il luogo in cui San Francesco d’Assisi avrebbe ricevuto le stigmate il 14 settembre 1224.

Il cammino prosegue quindi sul secondo anello, verso la vetta del Monte Penna. Si costeggia la Cappella del Faggio e la quattrocentesca Cappella del Beato Giovanni. Si cammina in salita nella foresta di faggi, abeti bianchi, aceri e frassini. Si scende attraversando una zona disboscata a causa dell’abbattimento dei faggi ad opera di una  recente tempesta di vento, per tornare infine a Chiusi della Verna attraverso il cosiddetto Bosco delle Fate.

Difficoltà: Media

Dislivello: 500m

 

4° giorno: Monte Fumaiolo e le sorgenti del Tevere

Prima colazione in hotel. Partenza da Poppi alle ore 08.00 verso Cesena ed arrivo a Balze verso le ore 10.00 per intraprendere un’escursione ad anello che ci porterà alla visita del territorio del Monte Fumaiolo. Passeremo dall’Eremo di Sant’Alberico, e immersi in un bosco di faggi gireremo attorno alla cima del monte tra alberi e radure. Saliremo poi alla vetta per poi ridiscendere verso le sorgenti del Fiume Tevere, dove arriveremo per un bel sentiero. Tra le limpide acque del fiume appena nato scopriremo le storie legate a questo luogo. Al termine dell’escursione conclusione del viaggio e rientro.

Difficoltà: media

Dislivello: 600m

Le camminate proposte presentano durate giornaliere e sono adatte a tutti coloro che hanno un discreto allenamento alla camminata. I dislivelli non sono eccessivi, ma le pendenze a tratti sono elevate e il fondo non sempre è agevole. In ogni caso ogni escursione verrà affrontata con calma e passo lento. Le escursioni si svolgono per lo più su sentieri nel bosco.

Alloggio presso Hotel Parc a Poppi www.parchotel.it

E’ posto a 10 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria di Poppi, ai piedi del borgo, raggiungibile anch’esso con una breve passeggiata. E’ hotel 3 stelle sobrio e confortevole, il personale informale e molto cortese. Le camere sono comode e accoglienti sono dotate di WiFi gratuito, TV satellitare e frigobar. Sistemazioni di categoria superiore hanno balcone e vista sul castello. La struttura comprende il ristorante che propone un’ottima scelta di piatti della tradizione Toscana.

 

* la struttura alberghiera di alloggio potrebbe subire variazioni, nel caso lo standard e i servizi rimarranno i medesimi”

in auto

Da NORD: Autostrada A1, Piacenza, Reggio Emilia, Bologna, Firenze, uscita Firenze Sud. Proseguire su SP127 e poi prendere l’uscita verso Pontassieve/Bagno a Ripoli. Poi Sp34 in direzione Poppi.

Da SUD: Autostrada A1, da Roma verso Firenze, uscita Arezzo. Prendere SS 679 in direzione Arezzo e, prima della città, SR71 per Verna/Camaldoli/Stia/Castiglion Fibocchi/Anghiari/Bibbiena

in treno

Da NORD: linea Milano-Firenze, poi Firenze-Arezzo. Da Arezzo, Arezzo-Pratovecchio-Stia, fermata a Poppi.

Da SUD: linea Napoli-Roma, poi Roma-Arezzo. Da Arezzo, Arezzo-Pratovecchio-Stia, fermata a Poppi.

indicazioni per voli:

Aeroporto di Firenze, poi con bus o treno via Arezzo..

-Per informazioni:  contact@dimensioneattiva.it

-Il periodo estivo richiede, durante le escursioni, di avere al seguito un’adeguata quantità d’acqua (in caso di dubbi chiedere ai referenti)

-I percorsi verranno svolti secondo programma solo se le condizioni ambientali lo permetteranno, nel caso fosse necessario verranno proposte escursioni e attività alternative.

-La proposta si svolgerà al raggiungimento del numero minimo di iscritti; qualora questo numero non venga raggiunto la quota versata verrà interamente rimborsata.

– La proposta potrebbe essere svolta, a discrezione degli organizzatori, anche qualora il numero minimo non venga raggiunto, solo con l’assistenza e l’accompagnamento della guida locale.

-Il programma potrà subire variazioni a seconda delle condizioni ambientali e a insindacabile giudizio delle guide.

-la struttura alberghiera di alloggio potrebbe subire variazioni, nel caso lo standard e i servizi rimarranno i medesimi.

-Attrezzatura suggerita: per maggiori dettagli clicca qui clicca qui

Un evento “Dimensione Attiva

-Organizzazione tecnica di Geosfera Viaggi – gruppo Globe Inside srl